CIIP AVVICINA L’ITALIA ALL’EUROPA E UNISCE CAMERA e SENATO IN IMPEGNI CONGIUNTI

FUCKSIAOggi 25 ottobre nell’ambito della settimana europea della salute e sicurezza sul lavoro 2013, presso la Sala Capitolare del Senato della Repubblica, si è svolto l’evento ” MI IMPEGNO PER LA PREVENZIONE” , 2° International Panel sulla salute, la sicurezza e la diffusione della cultura della prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro, organizzato dalla Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP) e col patrocinio di: Presidenza della Repubblica, Presidenza del Consiglio, Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Ministero della salute, Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, International Social Security Association (ISSA), INAIL. All’evento presieduto da Rino Pavanello e Giancarlo Bianchi, sono intervenuti durante i lavori della mattinata in ordine i relatori On. Jole Santelli, sottosegretaria Ministero del Lavoro, Luigi CAL, Direttore ILO per l’Italia, Hans Horst Konkolewsky Segretario Generale ISSA, Nicoletta Cornaggia delegata Conferenza delle Regioni, Sen. Serenella Fucksia segretaria Commissione Sanità, On. Antonio Boccuzzi della Commissione Lavoro.

I rappresentanti del Governo e del Parlamento hanno concordato con le proposte di indirizzo della CIIP, convergendo sulla priorità della prevenzione e della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, come obiettivo strategico per i prossimi impegni legislativi e come valore culturale fondamentale da promuovere per una politica strategica di promozione del Paese anche in vista del semestre europeo.

Occasione in cui l’Italia potrebbe cessare di essere un “buco nero” pronto a recepire decisioni altrui, diventando invece una fonte di luce, che facendo tesoro delle best practice europee e mondiali, promotrice di una nuova visione della gestione della sicurezza sul lavoro e della tutela della salute negli spazi di lavoro e di vita.

La mancata prevenzione costa ogni anno allo Stato italiano oltre 60 miliardi di euro. Investire in prevenzione oltre a non essere uno spreco di risorse, rappresenta una ottima opportunità con ricadute positive anche sotto il profilo economico.

10 le proposte CIIP per investire in prevenzione ed attuare il miglioramento del D.Lgs. 81/2008, ancora incompiuto per certi aspetti e da rivedere per altri.

Si prevede tra le principali iniziative:

– la tutela della legalità, regolarità e dignità di tutti i lavoratori e la diffusione estensiva della cultura della prevenzione;

– l’approvazione del LIBRETTO FORMATIVO a tutela di aziende e lavoratori anche in funzione di una formazione non ripetitiva ed un risparmio delle risorse;

– il REGISTRO dei soggetti professionali abilitati allo svolgimento di ruoli di strategica importanza come la figura del Docente qualificato all’insegnamento della Sicurezza, l’RSPP, l’ASPP, degli enti paritetici e degli organismi bilaterali e delle Associazioni di promozione della Salute e Sicurezza di rilevanza nazionale;

– l’estensione ed il miglioramento della qualità della formazione a tutte le figure coinvolte in ambito lavorativo distinguendo il concetto di informazione da quello di formazione;

– l’istituzione dell’Agenzia nazionale per la salute e la sicurezza sul lavoro;

– l’attivazione completa del SINP (Sistema Informativo per la Prevenzione nei luoghi di lavoro); il recepimento delle Convenzioni ILO n. 155 e 187;

– la ridefinizione dei profili di rischio (sostituzione del termine rischio basso per la salute con irrilevante), dei ruoli delle denominazioni di alcune figure della Prevenzione tra cui quella del Medico del Lavoro, superando la attuale e riduttiva denominazione di Medico Competente ed investendo lo stesso di un ruolo più centrale e di coordinamento;

– l’ampliamento dell’istituto dell’INTERPELLO;

– l’ottimizzazione della PA, garantendo congrue risorse alle attività di prevenzione e migliorando il coordinamento il coordinamento e le attività tra enti centrali e Regioni;

– la garanzia dei LEA TSLL (livelli essenziali di assistenza e prevenzione sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro) all’interno del PNP (Piano nazionale della prevenzione) e della programmazione regionale in materia sanitaria;

– istituzione della settimana della prevenzione e proclamazione del 2014 come anno della prevenzione.

La sicurezza non deve più essere un mero adempimento formale, ma deve diventare un fatto concreto di comprovata efficacia.

 

Sen. Serenella Fucksia e On. Antonio Boccuzzi